31 marzo 2012

Ci vuole tempo


Ci vuole tempo.
Ho scoperto il tempo con un libro.
Si tratta di Mr Gwyn di Alessandro Baricco. L’avevo visto apparire sullo scaffale della vetrina della libreria alcuni mesi fa, non saprei di preciso quando, uno due tre o forse di più. Lo volevo leggere, mi incuriosivano la copertina e l’autore. Avevo letto da poco Oceano Mare, ce l’ha mio fratello nella mensola sulla scrivania, me l’ha consigliato una signora tedesca dicendomi che avrebbe voluto illustrarlo. L’ho letto e mi ha affascinato. Lo volevo illustrare anche io.
Così ho pensato che anche Mr Gwyn sarebbe potuto essere un bel libro. Volevo comprarlo. Poi non l’ho fatto. Perché mi dico che ci penso e allora passa il tempo. Forse mi ero anche riproposta di prendere un albo illustrato al suo posto, e quello di cercarlo poi in biblioteca con calma. Non l’ho ancora fatto, anche se adesso ho altri libri in mente da prendere in biblioteca ma passerà sicuramente del tempo perché ora ho altro da fare negli orari di apertura della biblioteca, almeno fino a Pasqua.
Così quando ieri sono entrata in quella libreria perché facevano lo sconto e inoltre cercavo un regalo per mia sorella, ho comprato un albo illustrato per me (ma la scusa è stata regalarlo a mio fratello tenendomelo io in libreria) e un libro per mia sorella, con la clausola che interessasse leggere anche a me. Volevo prendere il Dizionario dei luoghi comuni di Flaubert ma non c’era (quindi sarà da cercare in biblioteca), quindi ho preso in mano Il silenzio dell’onda di Carofiglio, che è l’ultimo che ci rimane da leggere tra me mia mamma e mia sorella. Ma l’ho rimesso a posto e ho preso quel libro che mi aspettava già da un po’ ed era lì che quasi mi chiamava. Mr Gwyn. L’ho preso e non ci ho più pensato, cosa piuttosto rara per me. Sono piena di ripensamenti io.
E adesso che sono a pagina 106 ho capito che ci vuole tempo per le cose. Dalla lezione di fotografia abbiamo imparato che per diventare esperti in qualcosa ci vogliono almeno 10 anni o 10.000 ore di pratica di quel qualcosa.
Per tutte le cose ci vuole un certo tempo. Un altro libro che lessi da piccola e che mi è sempre rimasto in mente si chiama proprio Ogni cosa a suo tempo, ma io me ne dimentico spesso. Sto disegnando dei cipollotti e ho provato gusto a far scorrere il tempo, sia per lasciare il foglio asciugare che per la mia testa o la mia mano o non lo so. Ci vuole un certo tempo.
Ci sono film dei quali non ho ancora visto la fine, e stanno aspettando. Libri che ho comprato e non ho ancora letto. Ogni cosa a suo tempo.
Per Mr Gwyn ci vuole circa un mese per scrivere un ritratto. Ogni cosa a suo tempo.
E a me viene quasi voglia di illustrarlo. E mi ci vorrà del tempo.